.. ..
Logo Azienda elettrica
.. Sfoglia online AET informa
slideimg0 slideimg1 slideimg2 slideimg3 slideimg4 slideimg5 slideimg6 slideimg7 slideimg8 slideimg9 slideimg10 slideimg11 slideimg12
Ci prendiamo cura
    della vostra energia

Attualità

Efficienza Energetica
..

Pubblicata

Venerdì 18 Settembre 2015

Conto termico, la graduatoria dei registri 2015

Il Gse ha pubblicato le graduatorie dei registri 2015 degli operatori che hanno chiesto l'accesso agli incentivi del Conto termico (DM 28 dicembre 2012). Gli interventi sono quelli indicati all'articolo 4, comma 2 lettere a) e b), cioè impianti di potenza termica nominale complessiva, con riferimento al singolo edificio, unità immobiliare, fabbricato rurale o serra, maggiore di 500 kW e inferiore o uguale a 1.000 kW, realizzati dalle pubbliche amministrazioni (tabella A) e dai soggetti privati (tabella B).

Tutte le richieste ricevute sono rientrate nella graduatoria, segno che ancora l'incentivo non attrae molto gli operatori. Il plafond messo a disposizione per il Conto termico è di 900 milioni di euro l'anno. La spesa annua relativa agli interventi ammessi in graduatoria nel registro 2015 è pari a 40.411,48 euro per gli interventi realizzati dalle pubbliche amministrazioni e a 620.611,92 euro per quelli realizzati da soggetti privati.

Per quanto riguarda i privati, i 15 interventi iscritti a registro sono tutti al nord, mentre pe le PA gli interventi sono due, uno ad Alessandria e l'altro a Trapani.

Il Gse sottolinea che il soggetto responsabile deve presentare la richiesta di accesso agli incentivi entro 60 giorni dalla conclusione dell'intervento o, per gli interventi già conclusi, entro 60 giorni dalla data odierna, data di pubblicazione della graduatoria, pena la non ammissibilità agli incentivi. Il termine di dodici mesi entro il quale gli interventi devono essere realizzati decorre dalla data odierna e il mancato rispetto di tale termine comporta l'applicazione di una decurtazione del coefficiente di valorizzazione di riferimento, previsto all'allegato II del decreto, del 5% per ogni mese di ritardo rispetto al predetto termine, nel limite massimo di 6 mesi di ritardo. 

 
..
..
.. .. .. ..
..
..
..